Ita Eng

Via San Daniele, 50 Abano Terme 35031 ABANO TERME (PD)

+39049 8669149

Monastero Benedettino San Daniele

Località: Abano Terme

Si datano agli ultimi decenni del XI secolo le prime testimonianze storiche dell’esistenza dell’edificio, fondato dai signori Montagnon per onorare la memoria del santo martire Daniele, le cui ossa vennero rinvenute il 26 dicembre 1075 scavando sotto il pavimento della chiesa di Santa Giustina a Padova.
Il Monastero venne affidato dai fondatori a una comunità di monaci benedettini. Nel corso del Trecento, la grave crisi spirituale, che interessò tutta Europa a seguito dello scisma d’Occidente, investì anche la comunità di San Daniele che, a causa della mancanza di vocazioni, venne soppressa nel 1460 da papa Pio II, dopo vari tentativi di rivitalizzazione.
Ai monaci benedettini succedettero i Canonici Regolari di San Salvatore di Venezia che presero possesso del colle nel 1461. Nel ‘500 i canonici si impegnarono nella demolizione dell’antico monastero e nella sua ricostruzione secondo i criteri e il gusto dell’epoca. Dopo un periodo di crisi spirituale dovuta al rilassamento della disciplina regolare, tra la fine del ‘600 e gli inizi del ‘700, il monastero rifiorì grazie a una serie di riforme. In questo clima di generale rinascita si colloca il restauro edilizio dell’abbazia che previde non solo il risanamento degli locali monastici ma anche la realizzazione di opere di abbellimento come la costruzione della chiesa, piccolo gioiello architettonico ideato dall’architetto palladiano Francesco Muttoni di Vicenza.
Sulla scia delle soppressioni degli Istituti religiosi, il 12 settembre 1771 un decreto portò alla vendita all’asta dei beni dei canonici che vennero acquistati dall’avvocato Federico Todeschini di Venezia. La proprietà divenne la dote della figlia Elisabetta, unica erede del casato, quando andò in sposa al conte Bartolomeo Bonomi nel 1832. All’edificio monastico vennero apportate alcune modifiche per renderlo una comoda ed elegante dimora estiva. Con la seconda guerra mondiale la famiglia Bonomi subì un tracollo finanziario: la villa-castello venne persa al gioco d’azzardo a favore della famiglia Pescarin di Montagnana.
L’edificio, nato con una vocazione religiosa, ritornò alla sua originaria funzione nel 1948 quando vi si insediarono le monache benedettine di Fiume. Gli anni seguenti, fino al 1958, furono frenetici per i lavori di sistemazione e manutenzione dei locali per adattarli alle necessità e allo stile di vita regolare della comunità.

Restiamo in contatto!

Vuoi rimanere in contatto con noi e conoscere in anteprima tutte le novità dal mondo di Terme e dei Colli Euganei?
Iscriviti alla nostra Newsletter e comincia a prenderti cura di te: clicca sul bottone qui sotto e compila il form.
A presto con notizie, aggiornamenti, offerte rigeneranti e molto altro ancora!

Iscriviti alla newsletter
Facebook Instagram Youtube

Grazie

Grazie: ti abbiamo inviato una mail per attivare la tua iscrizione e selezionare le tue preferenze se previsto

Chiudo

Iscriviti alla nostra newsletter


Annulla
Chiudo

Credits

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it

Foto:

  • Foto Gabrio: Padova Convention & Visitors Bureau _Foto Gabrio Tomelleri
  • Consorzio DMO: Padova Convention & Visitors Bureau
  • Padova Meraviglia: NOME del FOTOGRAFO (c’è nella foto) servizio Padova Meraviglia
  • Pixabay, Pexels, Unsplash

Chiudo

Grazie

La sua richiesta è stata inviata correttamente e le risponderemo al più presto. Una copia dei dati che ci ha fornito è stata inviata al Suo indirizzo email.

Chiudo

Richiesta informazioni e prenotazione


Chiudo

Richiesta informazioni e prenotazione



Permanenza dal al

-

Scegli persone

Chiudo

Seleziona un periodo e filtra il sito in base alla data delle tue vacanze.